I CONSUMI LEGATI ALL’ILLUMINAZIONE

 L’illuminazione di magazzini (sia interni che esterni), capannoni di produzione, uffici e parcheggi è una voce di consumo considerevole: alcune statistiche indicano che il fabbisogno energetico per l’illuminazione in una fabbrica copra circa il 15% del totale, in uffici circa il 50% e in magazzini può arrivare fi no all’80%. Inoltre, ricerche scientifiche internazionali hanno dimostrato che una illuminazione ottimale dei luoghi di lavoro aumenta la produttività e riduce gli infortuni sul lavoro.

 

LE GRANDEZZE CHE MISURANO L’LLUMINAZIONE

 Prima di parlare di tecnologie di illuminazione è bene introdurre alcune grandezze, quali flusso luminoso, efficienza luminosa, indice di resa cromatica, temperatura di colore e durata.

Il flusso luminoso (in lumen, lm) è la quantità di luce emessa nell’unità di tempo in tutte le direzioni. È bene porre attenzione a tale grandezza, poiché non tiene conto delle perdite legate alle caratteristiche costruttive del corpo illuminante (es. scarsa riflessione di parti opache; vetro che filtra la luce).

L’efficienza luminosa (in lumen su Watt, lm/W) mostra, invece, quanto la lampada è efficiente e quanto ci costa in termini di assorbimento energetico. Più questo valore è alto, meno energia verrà impiegata per illuminare. Per un corretto calcolo dell’efficienza luminosa sarebbe bene tenere conto del consumo di tutto il sistema di illuminazione, comprensivo anche degli alimentatori: tale grandezza è chiamata efficacia luminosa.

L’indice di resa cromatica (IRC o Ra) descrive, con un numero compreso tra 1 e 100, la capacità della lampada di rendere fedelmente i colori. Più Ra è prossimo a 100, più la lampada renderà fedelmente i colori.

La temperatura di colore (espressa in Kelvin, K) indica se una lampada ha una luce “fredda” o “calda”. Maggiore è la temperatura di colore, più la luce sarà fredda.

Infine, la durata (espressa in ore, h) indica per quante ore di funzionamento una lampadina è garantita. Diversa è la vita economica, la quale indica le ore di funzionamento delle lampade per le quali è garantita una certa percentuale del flusso luminoso.

 

LE TECNOLOGIE PER L’ILLUMINAZIONE INDUSTRIALE E DEGLI UFFICI

 Esistono diverse tecnologie per l’illuminazione industriale e degli uffici: a fluorescenza, ad alogenuri metallici, ai vapori di sodio ad alta pressione e a led.

Le lampade a fluorescenza contengono un gas nobile e altre sostanze sotto forma di vapori. Attraverso scariche elettriche fornite da un alimentatore esterno (detto reattore), i gas-vapori emettono radiazione ultravioletta, trasformata in luce visibile da una copertura posta sulla superficie interna del tubo. Sono lampade largamente utilizzate nell’illuminazione di uffici e capannoni, hanno buone performances energetiche (impiegando reattori elettronici EVG; efficienza luminosa fi no a 100 lm/W), durata discreta (fi no a circa 20-24.000 h) hanno ampie gamme di tonalità di colore disponibili, ma il continuo spegnimento e accensione ne riduce la vita utile.

Le lampade ad alogenuri metallici sono costituite da un bulbo in quarzo o materiale ceramico contenente alogenuri metallici (solitamente ioduri). Producono una luce bianca, con una efficienza e durata paragonabile alle lampade a fluorescenza.

Le lampade a vapori di sodio sono del tutto simili, ma producono una luce giallastra e hanno una resa cromatica mediocre. Hanno il difetto di avere tempi di accensione lunghi (qualche minuto) e, se spente e riaccese a caldo, di ritornare a pieno regime anche dopo una decina di minuti. Sono impiegate nell’illuminazione di grandi spazi, sia interni che all’esterno. Bisogna porre attenzione allo smaltimento di alcune di queste lampade, soprattutto e alle vecchie contenenti mercurio (in Europa sono state bandite dal 2015 proprio perché pericolose per l’uomo e l’ambiente).

Grande importanza stanno acquisendo le lampade led (Light Emitting Diode). Hanno diversi vantaggi: sono efficienti (60-140 lm/W), hanno una durata fi no a 50.000 ore (se non si surriscaldano), la luce è immediatamente disponibile e possono essere accese e spente senza diminuirne la durata. La ricerca sta svolgendo enormi sforzi per aumentarne la vita economica e la disponibilità in termini di temperatura di colore.

 

GLI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO SULL’IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Gli interventi di efficientamento sull’impianto di illuminazione non devono riguardare solo le lampade, ma gli alimentatori, i corpi illuminanti i regolatori e la loro affidabilità. Ad esempio, un reattore per lampade a fluorescenza può arrivare a consumare anche il 50% dell’energia consumata dall’intero sistema di illuminazione. I nuovi reattori elettronici sono più efficienti, riducono lo sfarfallio delle lampade e ne allungano la vita. Esistono anche particolari alimentatori elettronici in versione “dimming”, che consentono di regolare il flusso luminoso dal 10% al 100%, conseguendo così ulteriori risparmi energetici.

Molto importante è anche la progettazione iniziale, che deve tenere in conto anche del calo di flusso luminoso nel tempo (molto importante per alcune lampade a led) e della facilità di manutenzione dell’impianto, considerando anche condizioni estreme di funzionamento (es. rapide variazioni di temperatura, umidità, vibrazioni e frequenti cicli di accensione-spegnimento che diminuiscono la vita utile; polveri e sporcizia che diminuiscono l’efficienza di illuminamento).

Certamente i sistemi a led permettono una forte riduzione dei costi di esercizio e di manutenzione, visti i bassi consumi e l’elevata durata, nettamente superiore rispetto alle altre tipologie di lampade. Resta comunque il costo di investimento. Per aziende con scarse risorse sono disponibili soluzioni di illuminazione led a noleggio, solitamente comprensive di manutenzione.

 

SISTEMI DI GESTIONE DELL’ILLUMINAZIONE

La razionalizzazione dell’illuminazione può portare a enormi vantaggi in termini di consumi energetici. I sistemi intelligenti dell’industry 4.0 stanno coinvolgendo anche il settore dell’illuminotecnica industriale. Sensori, sistemi di gestione della luce (LM – light management system), comandabili anche in remoto, permettono una regolazione continua ed ottimale della luce su ogni singolo processo lavorativo e una manutenzione programmata che tiene conto delle effettive ore di funzionamento di ciascun punto luce. Tali sistemi permettono di ridurre gli sprechi e i consumi di energia, oltre a migliorare il confort aziendale.

 

ANALISI DEI DATI

Di seguito sono riportati i dati emersi dall’analisi di un campione di 125 siti produttivi (scopri di più sull’analisi). L’intervento sui sistemi di illuminazione risulta il più comune ed è stato proposto in 110 casi. Nella tabella viene indicata, per ciascun settore merceologico, la frequenza con cui è stato suggerito questo intervento:

Illuminazione - frequenza intervento

 

Il valore medio del tempo di pay-back semplice degli investimenti in sistemi di illuminazione, valutato sul campione, è pari a 3,2 anni. Di seguito il tempo di pay-back distinto per comparto.

Illuminazione - tempo di pay-back

Infine riportiamo i dati sul risparmio economico potenziale:

Illuminazione - risparmio economico

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Se vuoi scoprire tutte le possibili tecnologie di intervento a disposizione delle imprese per migliorare la gestione energetica leggi l’articolo dedicato oppure scarica il report completo.

Per scaricare il report sull’efficienza energetica iscriviti alla nostra newsletter oppure condividi un post su Linkedin e ti invieremo il documento.

Vorresti realizzare un audit energetico per capire come migliorare la tua impresa? Visita l’Area energia e contattaci.