Con l’Avviso 4/2022 Fondimpresa stanzia 20 milioni per piani condivisi rivolti alla formazione dei lavoratori delle aziende aderenti al Fondo che stanno realizzando un progetto o un intervento di Trasformazione Green o di Economia Circolare nell’ambito delle proprie attività.

 

Termini per la presentazione della domanda

A partire dalle ore 9.00 del 17 ottobre 2022 fino alle ore 13.00 del 30 marzo 2023, fino a esaurimento risorse (valutazione in ordine di arrivo e soglia minima 750 punti su 1.000).

 

Ambiti di riferimento

Il Piano formativo finanziato deve avere ad oggetto esclusivamente i seguenti ambiti:

A. Progetti o interventi di Trasformazione Green

B. Progetti o interventi di Economia Circolare 

nelle imprese aderenti che riguardano l’introduzione di nuove strategie, prodotti e/o processi o un notevole miglioramento di quelli già esistenti, e che richiedono, in una o più fasi della realizzazione, la formazione del personale interessato.

 

Il Piano formativo può realizzarsi a livello aziendale o interaziendale, nel rispetto dei requisiti dell’Avviso, deve assicurare logiche unitarie nella strategia e nella gestione delle azioni formative.

A. Le aziende coinvolte nel medesimo piano devono essere interessate dal medesimo progetto di trasformazione green.

B. I Piani interaziendali devono essere idonei a soddisfare fabbisogni formativi comuni ad aziende appartenenti alla stessa categoria merceologica o a reti e filiere.

 

Ambito A. Progetti o interventi di Trasformazione Green

Il Piano può riguardare la formazione dei lavoratori delle imprese aderenti coinvolte nelle seguenti aree tematiche:

  • Tutela della biodiversità e dei servizi eco-sistemici (es. interventi a tutela della biodiversità sui terreni agricoli, interventi di riduzione dell’uso di pesticidi, interventi per un uso efficiente della risorsa idrica, interventi di rigenerazione del suolo, di ripristino delle foreste e delle zone umide etc.).
  • Perseguimento della decarbonizzazione (es. interventi a sostegno dell’efficientamento energetico dei processi industriali e degli edifici, impiego di mezzi/tecnologie a riduzione delle emissioni di CO2 etc.).
  • Riduzione dell’inquinamento (es. utilizzo di “clean tecnologies” nei processi produttivi, adozione di soluzioni “end of pipe”, sviluppo di nuove soluzioni per la riduzione delle emissioni inquinanti etc.).
  • Digitalizzazione green (adozione di sistemi di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e idrico,   adozione di soluzioni connesse alle tecnologie IoT per la digitalizzazione e la dematerializzazione dei processi gestionali).

Ambito B. Progetti o interventi di Economia Circolare

Il Piano, in relazione a tale ambito, può riguardare la formazione dei lavoratori delle imprese aderenti coinvolte nell’adozione/ricerca/sviluppo di soluzioni di Economia Circolare:

  • Approvvigionamento di materie prime (interventi per l’impiego di materie prime provenienti da fonti sostenibili e rinnovabili, azioni volte allo sviluppo di soluzioni di simbiosi industriale etc.).
  • Progettazione (sviluppo di soluzioni di eco-design, sviluppo di soluzioni basate su un approccio di dematerializzazione).
  • Produzione (es. interventi per la riduzione del consumo di risorse nel processo produttivo, interventi per la riduzione dell’uso di sostanze chimiche nel processo produttivo, interventi per la riduzione della produzione dei rifiuti derivanti dal processo di produzione, soluzioni di “sharing economy” per la condivisione di impianti/mezzi/strumentazioni per lo svolgimento di attività connesse al processo produttivo, soluzioni volte alla de materializzazione del processo produttivo, etc.).
  • Distribuzione/logistica (interventi per la riduzione dei tragitti, impiego di mezzi e tecnologie per la riduzione dei consumi e la gestione efficienti dei siti dedicati alle attività logistiche, sviluppo di soluzioni nell’ambito della “reverse logistic” etc.)
  • Consumo/vendita (sviluppo di strategie di vendita basate su modelli “on demand”, sviluppo di strategie di vendita basate su modelli “product as a service”, sviluppo di programmi e servizi di coinvolgimento del consumatore relativamente all’estensione della vita o alla gestione del fine vita del prodotto venduto, etc).
  • Raccolta (interventi per il miglioramento delle operazioni di raccolta e deposito dei rifiuti aziendali, etc.).
  • Recupero/riciclo (interventi volti a favorire il recupero e il riciclo dei rifiuti aziendali, interventi volti allo sviluppo di soluzioni di simbiosi industriale etc.).

Destinatari

Lavoratori per i quali viene versato il contributo integrativo dello 0,30%

  • Ambito A: almeno 15 lavoratori per i piani presentati. Inoltre almeno il 20% dei lavoratori posti in formazione devono essere dipendenti appartenenti a PMI secondo la vigente definizione comunitaria.
  • Ambito B: almeno 60 lavoratori per i piani presentati.

Importi finanziabili

  • In relazione all’Ambito A – Macro Aree NORD, un finanziamento minimo di euro 50.000,00 (cinquantamila) e un finanziamento massimo di euro 150.000,00 (centocinquantamila).
  • In relazione all’Ambito B, un finanziamento minimo di euro 100.000,00 (centomila) e un finanziamento massimo di euro 250.000,00 (duecentocinquantamila).

Per maggiori informazioni sull’Avviso 4/2022 Fondimpresa

Lo staff di Univa Servizi è a vostra disposizione per seguirvi in ogni fase del progetto.

Contatta l’AREA FORMAZIONE.

Consulta il materiale sul sito di Fondimpresa.


  Commenti disabilitati su Avviso 4/2022 Fondimpresa – Formazione a sostegno della Green Transition e della Circular Economy
131